Percorso:ANSA > Motori > Norme e Sicurezza > Assogomma-Polizia Stradale insieme per Vacanze Sicure 2012

Assogomma-Polizia Stradale insieme per Vacanze Sicure 2012

Partono oggi controlli in Lombardia, Sicilia e Campania

04 maggio, 16:22
Assogommma-Polizia Stradale insieme per Vacanze Sicure 2012 Assogommma-Polizia Stradale insieme per Vacanze Sicure 2012

ROMA - Pneumatici sotto gonfiati, non omologati, usurati, danneggiati e non conformi. Sono solo alcune delle situazioni di pericolo che ogni giorno mettono a rischio la sicurezza stradale in Italia. Prevenire e sottoporre a controllo gli pneumatici delle vetture del parco circolante e' l'obiettivo dell'iniziativa nazionale 'Vacanze Sicure 2012', presentata oggi a Milano dal dirigente del servizio Polizia Stradale del Compartimento Lombardia, Tommaso Cacciapaglia e dal direttore di Assogomma Fabio Bertolotti, e intende sensibilizzare gli automobilisti ad un uso corretto degli pneumatici in vista delle vacanze estive. L'attivita' di controllo, che negli anni scorsi ha interessato alcune regioni italiane scelte a campione, approda quest'anno in Lombardia, Campania e Sicilia Orientale, tre regioni che vantano un parco circolante piuttosto vetusto. Basti pensare che la Campania, in particolare, si piazza al ventesimo posto della classifica nazionale (penultima), con 3,4 milioni di vetture ed un'eta' media di ben undici anni; va meglio in Lombardia dove i 5,8 milioni di veicoli hanno un'eta' media di 6,5 anni mentre in Sicilia ci sono 3,1 milioni di vetture vecchie mediamente di dieci anni. Nell'ambito dell'iniziativa che parte oggi e terminera' a giugno con la raccolta dei dati rilevati sulle strade di queste tre regioni, la Polizia Stradale, in collaborazione con Assogomma e Federpneus, effettuera' un'attività di controllo sullo stato delle gomme e di sensibilizzazione sull'importanza degli pneumatici per la sicurezza stradale.

''Il parco circolante italiano - dice Fabio Bertolotti, Direttore di Assogomma - e' di circa 49 milioni di veicoli di cui 37 milioni di auto. L'età media, stimata al 31 dicembre 2010, è di circa 8 anni e 2 mesi con una tendenza ad aumentare anziché ridursi proprio in relazione ad un minor numero di chilometri percorsi, anche per l'aggravio dei costi di carburante. Le decine di migliaia di controlli, effettuati negli anni passati dalle Forze dell'Ordine, hanno rilevato pneumatici lisci dall'8% al 10%, danneggiati visibilmente dal 3% al 10%, nonché quantità significative di pneumatici non omologati: quest'ultimo fenomeno in crescita a causa delle importazioni da Paesi Terzi. A questo panorama, certo non confortante, vanno aggiunte le vetture che circolano con pneumatici sgonfi: da indagini effettuate si stima che la metà delle auto circola con pneumatici sotto gonfiati e di queste il 7-8% hanno pressioni di gonfiaggio inferiori del 20% a quella corretta e quindi da considerarsi in condizioni di possibile pericolosità''.

''La riduzione degli incidenti stradali e' il primo obiettivo strategico che perseguiamo in vista del traguardo fissato dalla Commissione europea dell'abbattimento della mortalità entro il 2020 - sostiene Maria Luisa Pellizzari, Direttore del Servizio Polizia Stradale - La nostra attenzione è rivolta in maniera crescente al controllo del veicolo e dei comportamenti alla guida. Perché siamo convinti che non si è mai troppo attenti al controllo delle condizioni degli pneumatici che devono assicurare frenata, aderenza, comfort e precisione di guida e sono perciò fondamentali per viaggiare in sicurezza''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA