Percorso:ANSA > Motori > I Protagonisti > Ad a.d. Nissan Italia Andrea Alessi Il Trofeo Top Manager

Ad a.d. Nissan Italia Andrea Alessi Il Trofeo Top Manager

Entro tre anni Nissan Italia al 5% di quota di mercato

13 aprile, 17:27
Ad Andrea Alessi AD Nissan Italia Il Trofeo Top Manager Ad Andrea Alessi AD Nissan Italia Il Trofeo Top Manager
Correlati

Video

CAPENA (ROMA) - ''Siamo convinti che il 5 per cento di quota di mercato in Italia entro il prossimo triennio sia un risultato alla nostra portata". Lo ha detto Andrea Alessi, amministratore delegato di Nissan Italia, in occasione della consegna dell'ambito premio "Top Manager Italia 2011" assegnato dalla testata InterAutoNews. Un obiettivo in linea con il piano strategico Nissan Power 88 elaborato da Carlos Ghosn che prevede per Nissan che prevede entro il 2016 una quota del 5% in Europa e il titolo di marchio asiatico numero uno. Obiettivo, quest'ultimo, che "in pratica - ha aggiunto Alessi - e' gia' stato raggiunto in Italia dove Nissan e' già il primo marchio asiatico''.

Da circa tre anni al timone dell'azienda giapponese, il brillante e concreto AD ha raggiunto obiettivi di tutto rispetto, nonostante l'evidente crisi del mercato e sociale. Nell'anno fiscale 2011, anche con un mercato in contrazione del 9,76 per cento, Nissan Italia ha venduto 66.465 unità, in crescita del 5,22 per cento rispetto al 2010, conquistando una quota di mercato del 3,71 per cento (+16,67 per cento sul 2010). Obiettivo, questo, che Alessi intende confermare anche nel 2012. Dal 2008 al 2011 la quota di mercato Nissan in Italia è passata dal 2,29 al 3,71 per cento.

L'AD di Nissan Italia ha portato a termine nel suo mandato una completa ristrutturazione del modello di business. La qualità del posto di lavoro percepita dai dipendenti, per cominciare, ha fatto conquistare a Nissan Italia il quarto posto tra i 'Great Place to Work' e il primo tra i costruttori automotive. Ha fatto progredire l'azienda dal 26/mo posto del 2008 al secondo del 2012, nell'indice di soddisfazione dei concessionari. "Con 100 concessionari efficaci e motivati - ha detto Alessi -possiamo affrontare le difficoltà della crisi. E perché il settore vendite fosse al meglio abbiamo ridotto dal 27 per cento al 3 per cento la quota dei concessionari che non rendono". "Il brand statement della Nissan è innovazione ed emozione per tutti. Un obiettivo raggiunto con la 'materializzazione' del concetto crossover nelle Qashqai e poi con Juke, due vetture che riassumono l'innovazione e l'emozionalità delle berline, delle station wagon, delle suv e delle sportive". Appena arrivata la crossover Juke ha consegnato più di 15.600 unità nell'anno fiscale 2011 con una quota di oltre il 23 per cento. "Con l'elettrico - ha detto Andrea Alessi - abbiamo avviato un'azione di semina per diffondere il concetto di mobilità sostenibile". La Nissan Italia, in particolare, ha fatto provare la Leaf ai rappresentanti delle istituzioni, avviato i contatti con gli operatori che dovranno fornire l'energia per la ricarica, lanciato la proposta del "roaming" per creare un sistema di ricarica globale attraverso tutti gli operatori, come per la telefonia mobile. Per garantire il valore residuo i concessionari offriranno formule di noleggio a lungo termine e di riacquisto garantito. E molto altro ancora.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA