Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Istituzioni e UE > A Brasilia operativa l' 'Ambasciata verde'

A Brasilia operativa l' 'Ambasciata verde'

Ministro Clini in missione in Brasile

05 aprile, 15:50
A Brasilia operativa l' 'Ambasciata verde' A Brasilia operativa l' 'Ambasciata verde'

L'iniziativa di trasformare l’Ambasciata d’Italia a Brasilia in un laboratorio di esperienze sostenibili entra nella sua fase esecutiva. Al via, infatti, oggi la seconda fase del progetto Ambasciata Verde, a Brasilia, che prevede lo scambio di energia tra l’impianto fotovoltaico della Rappresentanza italiana e la Centrale Energetica di Brasilia (Ceb), nonche’ la raccolta e la validazione dei dati tecnici che saranno presentati nella Conferenza Internazionale sullo Sviluppo Sostenibile del prossimo giugno.

A lanciarla il ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, che oggi partecipa al seminario “Economia Verde e Rio +20”, organizzato all’Ambasciata, durante il quale si prevede la firma di due Memoranda di Intesa: il primo, fra l’Ambasciata, la CEB e l’Università di Brasilia (UnB) per il settore fotovoltaico e, il secondo, tra l’Ambasciata e la Compagnia di Risanamento Ambientale del Distretto Federale (Caesb) per il risparmio dell'acqua e la fitodepurazione. Una delle finalità delle intese è la possibilità di utilizzare i dati raccolti nei due impianti per tracciare un profilo di fattibilità tecnica e finanziaria di tali iniziative.

Il progetto, che fa parte della strategia ambientale piu’ ampia ideata dal Ministero degli Affari Esteri, conosciuta come “Farnesina Verde” (www.esteri.it) è oggi in fase di avanzata realizzazione nei suoi due settori principali: energia e acqua.

L’impianto fotovoltaico, che consta di 405 pannelli installati sul tetto dell’Ambasciata da parte di Enel Green Power, sta già producendo un risparmio apprezzabile. Il Memorandum tra l’Ambasciata, la CEB e il Dipartimento di Ingegneria della UnB permetterà di raccogliere e validare i dati sui consumi. L’intesa renderà applicabile in via sperimentale un regime di scambio di energia - cessione del surplus di produzione alla rete nelle ore diurne in cambio di forniture di elettricità in quelle serali - possibilita’ ancora non prevista dalla normativa brasiliana che, in corso di riformulazione al Congresso, potrá essere definita anche in base a tale positiva esperienza.

Clini e' in missione in Brasile in vista di Rio +20, il prossimo giugno, l' appuntamento mondiale a 20 anni di distanza dal primo summit sulla Terra, nel '92, nella citta' brasiliana. L'Italia, ha detto il ministro nella sua tappa di San Paolo, partecipando ad un simposio tra Italia, Brasile e Africa sui biocombustibili, punta ad un'agenda condivisa in materia di energie pulite, per la sicurezza ambientale e la protezione dell'acqua, e l' eliminazione delle barriere doganali sulle tecnologie green.


''Dalla conferenza sull'ambiente delle Nazioni Unite a Rio de Janeiro ci aspettiamo un'agenda condivisa per affrontare alcuni dei nodi piu' critici per il nostro futuro - ha detto Clini - in particolare per quanto riguarda l'energia, per fare in modo che il futuro del settore sia sempre piu' pulito, e la riunione di oggi e' precisamente in questa direzione''. ''Punteremo anche - ha proseguito il ministro - su un'agenda internazionale che contribuisca a far superare le barriere commerciali che ancora impediscono, a livello globale, la circolazione facilitata delle energie pulite, e su un impegno globale per l'acqua e per la sicurezza ambientale''. ''Certo - ha aggiunto Clini - difficilmente si arrivera' ad un trattato Rio+20, ma se riuscissimo ad avere un'agenda condivisa sui punti chiave sarebbe gia' un grande risultato''. Il ministro ha riferito inoltre che a Rio a giugno dovrebbe essere annunciata una joint-venture tra un grande gruppo italiano gia' presente in Brasile e un grande gruppo brasiliano per realizzazione nello stato di San Paolo il primo stabilimento in America Latina per la produzione di biocarburanti, tra i quali etanolo di seconda generazione, ''come risultato del forte partenariato tra Italia e Brasile per lo sviluppo delle energie pulite nell'ambito dello sviluppo sostenibile, gia' in corso da alcuni anni''. Clini si è anche incontrato con il governatore dello stato di San Paolo, Geraldo Alckmin, con il quale ha concertato gli ultimi dettagli della joint-venture sui biocombustibili di ultima generazione, e con imprenditori italiani e brasiliani nella sede della Confindustria di San Paolo (Fiesp). A Brasilia incontri con il ministro dell'Ambiente, Isabella Teixeira, il ministro dell'Energia Edison Lobo, e il sottosegretario agli Affari Esteri incaricato dell'organizzazione di Rio+20, ambasciatore Figueiredo

 

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati